Azienda

/Azienda
Azienda2018-09-04T16:19:17+00:00

Azienda

La BIOAGRUMI di M. Pizzini ha sede a Trebisacce (CS), una ridente cittadina marinara di circa 10.000 abitanti, che va orgogliosa di una particolare varietà tardiva di arance: il Biondo di Trebisacce. L’azienda nasce da un’idea del titolare, Massimo Pizzini, nel Febbraio del 2000, con l’obiettivo di valorizzare una delle più importanti risorse che la Piana di Sibari possiede: gli agrumi. L’attività principale è quella di trasformare entro 48 ore dalla raccolta questi preziosissimi frutti della natura tramite l’utilizzo di tecniche di trasformazione che derivano dall’antica tradizione calabrese seguendo le classiche ricette artigianali, che prevedono l’impiego esclusivamente di frutta di primissima qualità e zucchero.

L’accurata selezione delle migliori materie prime, infatti, insieme con l’orientamento alla qualità, verificata in ogni fase del processo di lavorazione, hanno contribuito a rendere i prodotti un’eccellenza alimentare largamente apprezzata dai consumatori. La frutta fresca viene controllata e tracciata in ogni stadio della supply-chain al fine di garantire genuinità, elevati standard qualitativi e trasparenza nei confronti di tutti i nostri stakeholders.

Ogni marmellata e confettura contiene l’82% di frutta e non vengono utilizzati conservanti. Questi fattori, insieme con un know-how consolidato in 20 anni di appassionato lavoro, rappresentano alcune delle nostre core-competences che ci differenziano dai concorrenti. La gamma dei prodotti è in continuo aggiornamento grazie al lavoro del nostro team che sperimenta periodicamente nuovi gusti e abbinamenti, con l’intento di raggiungere i gusti e le preferenze di ogni consumatore, al fine di incrementare la customer satisfaction.

Una Terra Fertile

la Calabria: riconosciiuta come centro di qualità IGP e DOP comunitario.

Il Territorio Calabrese

La Calabria con circa il 22,5% del patrimonio agrumicolo nazionale è tra le più importanti regioni produttrici di agrumi del nostro Paese. Rispetto all’intero comparto agricolo regionale l’agrumicoltura occupa un ruolo molto rilevante. Su una superficie agrumetata pari a 41.182 ha, il 61% circa è rappresentato da arance, il 25% da clementine ed il restante 14% da limoni, mandarini, pompelmi, bergamotti e cedri.
Gli agrumi rappresentano la coltura che meglio caratterizzano la aree pianeggianti e fertili di questa regione. Esistono delle aree ben identificate e vocate alla produzione delle diverse specie agrumicole che consentono la realizzazione di produzioni di qualità tanto che per ben due specie (clementine e bergamotto) è stato ottenuto il riconoscimento di qualità comunitario (rispettivamente IGP e DOP).
Inoltre la Calabria rispetto ai bacini produttivi di altre regioni, grazie alle riserve idriche dei bacini montuosi, ha una migliore dotazione idrica indispensabile per assicurare degli elevati standard quali-quantitativi del prodotto. La maggiore vocazione produttiva si rileva soprattutto per le arance a varietà bionda e le clementine.
La localizzazione dell’agrumicoltura calabrese è concentrata nei seguenti comprensori:

• Piana di Sibari;
• Piana di Lamezia Terme;
• Piana di Gioia Tauro;
• Locride;
• Alcuni comuni del versante jonico catanzarese;
• Riviera dei Cedri.

Nel campo dell’agrumicoltura spiccano pregiati prodotti tra cui le clementine IGP, esportate nei principali mercati europei.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Spedizione GRATIS per ordini superiori a 39,99€ Ignora

Privacy Policy Cookie Policy